Molise: il neo Raggruppamento

In tale contesto, alla presenza del Principe Mariano Hugo Windish Graetz (Ambasciatore del Sovrano Militare Ordine di Malta in Slovenia), del Principe Manfred Windish Graetz e del Nobile Prof. Alberto Bochicchio, si è potuto apprezzare e discutere fattivamente del Decreto Legislativo 2 gennaio 2018 nr.224 Codice della Protezione Civile, che ha definitivamente e con chiarezza delineato le competenze delle varie forme di volontariato organizzato di protezione civile. Il 26 gennaio scorso, nella sede regionale in Campochiaro il Direttore della Protezione Civile Regionale del Molise ha incontrato il Capo Raggruppamento del Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta del Molise per discutere della possibilità di istituire un servizio di avvistamento e spegnimento di incendi con l’ausilio di elicotteri nell’ambito di un sinergico piano operativo che vede coinvolti i Volontari del CISOM nella loro veste di appartenenti alla Protezione Civile.

Si è parlato inoltre di assistenza socio-sanitaria in ambito operativo e sono stati delineati i punti chiave di una sinergia di intenti nei territori molisani.

Sabato 27 gennaio, nell’ambito del progetto culturale Festival della Vita, promosso dal Centro Culturale San Paolo Onlus, presso l’Auditorium dell’ospedale civile di Piedimonte Matese, è stata celebrata la tradizionale Giornata del Sorriso, come preparazione alla Giornata della Vita, della prima domenica di ogni mese di febbraio, voluta dalla Conferenza Episcopale italiana e dedicata ai diversamente abili.

La VII^ edizione della manifestazione ha visto la partecipazione dei Volontari del Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta della Sezione Matese-Alexis. 

Un medico, due infermieri, tre operatori socio-sanitari, quattro volontari soccorritori e due volontari aspiranti hanno presenziato alla manifestazione nel corso della quale ci si è soffermati sulle problematiche delle persone portatrici di handicap e i loro famigliari, su come sostenere con opere di volontariato le persone con disagio e riuscire, proprio con un “sorriso”, ad affrontare le difficoltà di ogni giorno sia dal punto di vista sanitario che da quello psicologico con aiuti fattivi e concreti.

Dopo la celebrazione della Santa Messa i nostri Volontari hanno partecipato all’animazione della giornata coinvolgendo i ragazzi bisognosi, accolti nel nosocomio matesino.