Il CISOM piange la scomparsa del Gran Maestro

Il Direttore Nazionale Mauro Casinghini, gli Organi Centrali ed Esecutivi ed i 2000 volontari del Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta (CISOM) piangono la scomparsa di Fra’ Andrew Bertie, 78° Gran Maestro del Sovrano Militare Ordine di Malta. 
Uomo di straordinario valore umano e spirituale, ha continuamente sostenuto l’operato del Corpo in ogni momento, incoraggiando anche personalmente le iniziative ed i numerosi interventi che, nel corso dei venti anni del Suo alto incarico, hanno visto donne e uomini prodigarsi senza risparmio di energie nelle attività di soccorso sanitario e di protezione civile in Italia e all’estero.

Solo trenta giorni fa, nell’ambito della tradizionale cerimonia dello scambio di auguri con i 99 Ambasciatori accreditati presso l’Ordine, Sua Altezza esprimeva parole lusinghiere sull’operato del CISOM relativamente alle attività svolte in collaborazione con il Dipartimento della Protezione civile italiana, e sottolineando il valore degli accordi sottoscritti con il Corpo delle capitanerie di porto e con il Corpo Forestale dello Stato per le attività di collaborazione nell’ambito dei rispettivi compiti di istituto.
Il Corpo Italiano di Soccorso conserverà le parole espresse da Fra’ Andrew Bertie quale testamento dedicato alla crescente ed impegnativa attività svolta dai volontari del CISOM, in favore della collettività ed all’insegna della solidarietà.

Duis autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et accumsaazim placerat facer possim assum. Typi non habent claritatem insitam; est usus legentis in iis qui facit eorum claritatem. Investigationes demonstraverunt lectores legere me lius quod ii legunt saepius. Claritas est etiam processus dynamicus, qui sequitur mutationem consuetudium lectorum. Mirum est notare quam littera gothica, quam nunc putamus parum claram, anteposuerit litterarum formas humanitatis per seacula quarta decima et quinta decima. Eodem modo typi, qui nunc nobis videntur parum clari, fiant sollemnes in futurum.

Duis autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et accumsaazim placerat facer possim assum. Typi non habent claritatem insitam; est usus legentis in iis qui facit eorum claritatem. Investigationes demonstraverunt lectores legere me lius quod ii legunt saepius. Claritas est etiam processus dynamicus, qui sequitur mutationem consuetudium lectorum. Mirum est notare quam littera gothica, quam nunc putamus parum claram, anteposuerit litterarum formas humanitatis per seacula quarta decima et quinta decima. Eodem modo typi, qui nunc nobis videntur parum clari, fiant sollemnes in futurum.