Logo

transparent

 
 
 
 
facebooktwitteryoutube
facebooktwitteryoutube

Storia

Il Corpo Italiano di Soccorso dell'Ordine di Malta (C.I.S.O.M.) viene fondato ufficialmente il 24 giugno 1970. L'istituzione del CISOM venne sancita in occasione della prima approvazione del suo regolamento, il 24 giugno 1970, con decreto magistrale n. 502/9860, a firma del Gran Maestro fra' Angelo de Mojana.

In quegli anni, i giovani del nascente CISOM intervennero quali soccorritori in occasione di gravi calamità: nella valle del Belice poi in Friuli, in Kenia dove fu aperto un piccolo ospedale maternità, fino al terremoto dell'Irpinia. Fu in quella disgrazia che l'enorme desiderio di collaborazione e l'entusiasmo di tanti portò a rendere operativa una struttura che era ancora solo predisposta ma che iniziò a vivere da quella bellissima esperienza di aiuto e conforto.

Nel 1980 a Monte Penice fu organizzato il primo Campo per portatori di Handicap che diede origine negli anni successivi al CAMPO INTERNAZIONALE PER GIOVANI DISABILI, a cui ininterrottamente il CISOM partecipa da Fiumicino nel 1983 fino al campo del 2012 in Ungheria, con la presenza di più di venti Paesi e circa cinquecento partecipanti.

Nel 1991, per iniziativa del Gran Cancelliere Felice Catalano di Melilli, il Ministero della Protezione Civile riconobbe ufficialmente la presenza del CISOM come strumento di Protezione Civile per l'Italia del Sovrano Militare Ordine di Malta.

Il 28 gennaio 1991 venne firmato dal Ministro per la Protezione Civile e dal Gran Cancelliere un accordo, pubblicato sulla G.U. n° 164 del 15/7/91, che stabilisce i ruoli che ognuna delle due parti assume nel campo della protezione civile.

Nel corso degli anni, il Corpo è intervenuto in tutte le calamità naturali che hanno colpito l'Italia, dal citato terremoto in Irpinia, a quelli che hanno colpito l'Abruzzo e l'Emilia Romagna ed in alcune all'estero come il terremoto del 2010 ad Haiti.

Numerosi sono gli accordi stipulati con le Istituzioni italiane: con il Corpo delle Capitanerie di Porto, in favore di cittadini extra-comunitari nella fase del soccorso in mare, con presenza di personale volontario medico e para-medico a bordo delle imbarcazioni della Guardia Costiera in modo continuativo; con la Guardia di Finanza, che ha come finalità principale quella della tutela della legalità e dei diritti delle persone in pericolo attraverso la creazione di un sistema di equipe mediche di pronto intervento messe a disposizione della Guardia di Finanza dal Corpo Italiano di Soccorso e lo sviluppo di comuni iniziative addestrative e di aggiornamento professionale del personale; con i Vigili del Fuoco, con cui viene ulteriormente rafforzata la cooperazione già esistente tra le due realtà, che si basa sul comune lavoro per la salvaguardia ed il soccorso ai cittadini in difficoltà, sia nelle grandi emergenze che nel periodo ordinario; con numerose Regioni, Provincie e Comuni.

Con Decreto del Sovrano Consiglio del 1° ottobre 2011, il Corpo italiano di soccorso viene trasformato in una Fondazione Melitense amministrata da un Consiglio Direttivo la cui sede operativa è in Piazza del Grillo a Roma.

Area riservata

logo header
dona
unisciti